Utilizzo del laser in parodontologia

Negli ultimi anni si è sentito, e si sente, spesso parlare di terapia laser in parodontologia. E’ un argomento che da subito ha diviso i clinici, chi assolutamente contrario e chi, dall’altro lato, è entusiasta e favorevole. Il confronto è ancora aperto e molto acceso, testimonianza ne è la recente presa di posizione della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (Sidp) nei confronti dell’utilizzo del Laser in terapia parodontale non chirurgica. Per superare pregiudizi e preconcetti derivanti dalla propria esperienza personale, dalla conoscenza della parodontologia, dalle proprie opinioni, la ricerca scientifica ha largamente indagato  sull’utilità del laser in parodotologia [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: La salute parodontale è migliore con gli allineatori rispetto alle apparecchiature fisse

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. Tutti sappiamo che la salute parodontale è influenzata dalle apparecchiature fisse. Ma con gli allineatori la situazione migliora? E’ logico ritenere che, dal momento che gli allineatori possono essere rimossi, per i pazienti dovrebbe essere più facile mantenere una buona igiene orale rispetto alle apparecchiature fisse. Di conseguenza, la salute parodontale dovrebbe essere migliore con gli allineatori rispetto alle apparecchiature fisse. Ad ogni modo, la ricerca ha dimostrato che questo potenziale beneficio non è sempre evidente. Questa nuova revisione sistematica, pertanto, è tempestiva ed importante per la pratica clinica. Lo revisione è stata condotta [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Le incisioni piezo accelerano di molto lo spostamento dentario: un nuovo RCT

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. I ricercatori stanno effettuando molti studi riguardo possibili metodiche volte ad aumentare la velocità del movimento dentario. Questi nuovi studi dimostrano un effetto importante del trauma localizzato Molte volte ho già scritto nel blog su come vengano condotte ricerche sulla velocizzazione dei trattamenti ortodontici. In generale, tale filone di ricerca ha evidenziato un effetto minimo o nullo dei vari interventi. Una delle tecniche più promettenti è rappresentata dalle incisioni piezo. Si tratta di piccoli tagli interprossimali praticati nell’osso alveolare. E’ classificata come tecnica minimamente invasiva. Questo studio è stato condotto da un team [...]

Leggi di più...

RUOLO DELL’IGIENISTA DENTALE NELL’INTERCETTARE LE PROBLEMATICHE DEI PAZIENTI CON RIABILITAZIONI FULL ARCH FISSE SU IMPIANTI

Molti anni fa all’inizio della mia “carriera”, mi imbattei in un odontoiatra che mi rimandava il paziente ogni 15 gg perché pensava che, anche la presenza infinitesimale di placca, potesse creare la perimplatite, e la conseguente perdita dell’impianto. Il risultato era stress per me e stress per il paziente; spesso i pazienti sceglievano di cambiare studio, cosi come poi feci io, ma il punto oggi è:  l’accumulo di placca crea sempre la perimplantite? Secondo una revisione sistematica della letteratura del 2014, non esiste un consenso unanime in merito all’eziologia della perimplantite Int J Prosthodont. 2014 Jan-Feb;27(1):15-25. doi: 10.11607/ijp.3785. Peri-implantitis: a systematic review [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Possiamo realmente esercitare l’ortodonzia basata sull’evidenza?

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. Negli ultimi anni il mio blog è diventato molto popolare perché pubblico post sull’evidenza in ortodonzia. Ad ogni modo, possiamo realmente esercitare l’ortodonzia basata sull’evidenza? Recentemente mi sono imbattuto in molte discussioni circa l’impiego di tecniche ortodontiche non supportate dall’evidenza. Infatti, tutti noi conosciamo inventori, utilizzatori precoci, venditori di fumo ed altri tipi di promotori che fanno ogni tipo di affermazione sui trattamenti ortodontici. Ciò mi ha indotto a pensare se possiamo realmente praticare l’ortodonzia basata sull’evidenza. Di conseguenza, ho deciso di riprendere un post di diversi anni fa per valutare se [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Un’ imponente Revisione Sistematica Cochrane sul trattamento delle II Classi

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. Abbiamo aggiornato la nostra revisione Cochrane sul trattamento delle II Classi. I risultati sono interessanti e clinicamente rilevanti. Quando si decide di fare una revisione Cochrane, bisogna accettare di mantenerla aggiornata. Questo post riguarda la revisione aggiornata che è stata pubblicata questa settimana. Dichiaro un interesse. Sono tra gli autori di questo lavoro, che include dati provenienti da studi clinici nei quali sono coinvolto. Orthodontic treatment for prominent upper front teeth (Class II malocclusion) in children and adolescents.  Cochrane Database of Systematic Reviews 2018, Issue 3. Art. No.: CD003452. DOI: 10.1002/14651858.CD003452. Batista KBSL, Thiruvenkatachari B, Harrison JE, O’Brien KD. Lo studio [...]

Leggi di più...

Toronto Bridge, Columbus Bridge, All on 4/6: l’igienista dentale e la protesi avvitata su impianti

E’ lunedì, si torna a lavoro dopo un lungo weekend fatto di freddo polare e neve, cosa può rendere interessante questo lunedì (in provincia di Cuneo) fatto di nebbia?! L’affermazione di un paziente :- Dottoressa chissà quanti pazienti vede nella mia stessa situazione!?-. Il paziente in questione ha una protesi Toronto bridge superiore e inferiore, ed effettivamente negli ultimi anni ne vedo sempre più spesso, merito del progresso odontoiatrico? Dei fallimenti nel mantenimento professionale e domiciliare? Dell’invecchiamento progressivo della popolazione? Secondo una indagine Doxa, per conto dell’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) del 2016, ben 7 su 10 italiani hanno perso uno o [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Quale tipo di contenzione dura più a lungo?

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. Noi tutti abbiamo la nostra contenzione preferita. Ma quale dura di più? Questo nuovo studio ci aiuterà a decidere? La contenzione è uno degli argomenti “più caldi” in ortodonzia. Purtroppo, esiste solo un moderato livello di evidenza che ci può aiutare nello scegliere le contenzioni. Di conseguenza, le scelte sono spesso basate sulle preferenze  del paziente e dell’operatore. Lo EJO ha pubblicato questo nuovo studio condotto da un gruppo neozelandese. Ho avuto il piacere di incontrarli quando mi sono recato in Nuova Zelanda per quattro giorni lo scorso anno per parlare alla [...]

Leggi di più...

Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Qual è il metodo più veloce per chiudere gli spazi? Le molle Ni-Ti o le catenelle?

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP. Gli ortodontisti che ancora fanno diagnosi ed estraggono denti vorranno sapere qual è il metodo migliore per applicare la forza nelle meccaniche a scorrimento. Questa revisione sistematica ci fornisce la risposta. Sono stati effettuati diversi studi clinici per aiutare a rispondere a tale domanda. Questo gruppo scozzese ed australiano ha effettuato una revisione sistematica per mettere insieme i risultati di questi trials. Effectiveness of nickel-titanium springs vs elastomeric chains in orthodontic space closure: A systematic review and meta-analysis Mohammed et al Orthod Craniofac Res. 2017;1–8. DOI: 10.1111/ocr.12210 Gli autori hanno risposto alla seguente domanda: “Quanto sono efficaci [...]

Leggi di più...
X
- Enter Your Location -
- or -