Le traduzioni del blog di Kevin O’Brien: Qual è il metodo più veloce per chiudere gli spazi? Le molle Ni-Ti o le catenelle?

Ecco un post di Kevin O’Brien tradotto per voi su MyBESTEP.

Gli ortodontisti che ancora fanno diagnosi ed estraggono denti vorranno sapere qual è il metodo migliore per applicare la forza nelle meccaniche a scorrimento. Questa revisione sistematica ci fornisce la risposta.

Sono stati effettuati diversi studi clinici per aiutare a rispondere a tale domanda. Questo gruppo scozzese ed australiano ha effettuato una revisione sistematica per mettere insieme i risultati di questi trials.

Effectiveness of nickel-titanium springs vs elastomeric chains in orthodontic space closure: A systematic review and meta-analysis

  1. Mohammed et al

Orthod Craniofac Res. 2017;1–8. DOI: 10.1111/ocr.12210

Gli autori hanno risposto alla seguente domanda:

“Quanto sono efficaci le molle Ni-Ti e le catenelle elastomeriche nella chiusura spazi in ortodonzia?”

Cosa hanno fatto?

Hanno effettuato una revisione sistematica standard il cui PICO (PICR) era:

Popolazione: Pazienti ortodontici di qualsiasi età con apparecchiature fisse convenzionali, che richiedevano chiusura di spazi dopo estrazioni di premolari.

Intervento: chiusura degli spazi con molle Ni-Ti.

Confronto: chiusura degli spazi con catenelle elastomeriche

Risultato: il risultato principale fu la velocità della chiusura dello spazio.

Furono inclusi solo trial randomizzati effettuati su persone  e furono esclusi tutti gli altri studi. Fu effettuata una ricerca standard elettronica senza limitazione linguistica. Il bias fu stabilito mediante lo strumento Cochrane Risk of Bias.

Cosa hanno trovato?

Gli autori sono giunti ad un campione finale di 4 RCT da includere nella revisione. Due di questi furono realizzati mediante un disegno split mouth, gli altri due erano trial a gruppi paralleli. Tutti i trial riportavano la velocità di chiusura degli spazi al mese.

Analizzando il rischio di bias, uno studio era a basso rischio, uno aveva un rischio non chiaro, gli altri due erano ad alto rischio. Ciò significa che l’evidenza che possiamo ottenere da questa revisione è di moderata potenza.

Inseriti i dati in una meta analisi, gli autori hanno trovato che la chiusura dello spazio mediante molle Ni-Ti risultava più veloce di 0.2 mm/mese rispetto alle catenelle elastomeriche (95% CI 0.12-0.28)

Cosa ne penso?

Si tratta di una revisione sistematica ben condotta che ha mostrato una differenza statisticamente significativa tra due diversi metodi di applicazione della forza. Interpretando i dati, c’è bisogno di considerare diversi punti importanti.

Innanzitutto, la forza dell’evidenza è risultata moderata. Ad ogni modo, la gran parte delle revisioni sistematiche hanno tale livello di bias. Dobbiamo anche considerare che il rischio di danno con entrambi gli interventi è piuttosto basso. Di conseguenza, tale bias non mi preoccupa molto.

Ancora, dobbiamo considerare se la differenza è statisticamente significativa. La differenza di 0.2 mm al mese è piccola ed ho calcolato che volendo completamente chiudere lo spazio estrattivo di un primo premolare superiore, con una molla Ni-Ti potremmo risparmiare un mese. Non mi sento di definire tale risultato clinicamente significativo.

Comunque, dobbiamo ancora considerare le differenti proprietà dei due metodi.

Trovo sia più facile utilizzare le molle Ni-Ti poichè non hanno bisogno di essere attivate ad ogni appuntamento. Non gradisco le catenelle perchè accumulano placca che mi schizza in faccia quando le rimuovo. Ciò significa che preferisco le molle coil. Ovviamente c’è una differenza di costi, ma la accetto con il vantaggio del Ni-Ti.

Conclusione?

Ho la sensazione che i risultati di questa revisione rinforzino la mia attuale scelta. Continuerò ad usare le molle Ni-Ti anche la prossima volta che avrò bisogno di chiudere gli spazi in seguito “all’amputazione di premolari”…

CERCA IL TUO PROSSIMO CORSO!

Condividi questo post

Lascia un commento


X
- Enter Your Location -
- or -